Implantologia dentale: Cos’è un impianto dentale

L’impianto dentale è una protesi fissa che sostituisce uno o più denti mancanti, in seguito a traumi, parodontite, carie non curabile, frattura della radice, ascesso dentale, piorrea legata all’età.

Ha dei notevoli vantaggi a livello estetico e funzionale e noi lo consigliamo nei casi di gap dentale per ripristinare una corretta masticazione, per risolvere problemi estetici, per evitare di spostare i denti adiacenti, per ristabilire la funzione fonetica.

Struttura degli impianti dentali

Ideati nel 1952 dal professor Branemark, oggi gli impianti dentali hanno caratteristiche estetiche tali da renderli quasi uguali ai denti naturali.

I materiali utilizzati sono innovativi e affidabili, con risultati ottimi in breve tempo. Per la fornitura degli impianti dentali per il nostro studio abbiamo scelto di rivolgerci ad aziende con elevati standard etici, certificate dalla Food and Drug Administration (FDA), l’agenzia americana che regolamenta gli alimenti e i medicinali messi in commercio, come la Zimmer Biomet, BTI Biotechnology Institute e Straumann Group.

 

L’impianto dentale è una struttura biocompatibile che si colloca al posto di una radice dentale mancante, su cui viene applicata una corona, il dente sostitutivo. 

È formato da quattro componenti:

  • vite endossea o impianto, che sostituisce la radice dentale e si fissa all’osso;
  • abutment o moncone, la parte più vicina alla mucosa gengivale che collega la protesi alla vite endossea;
  • vite di giunzione, che unisce l’abutment alla protesi, nel caso in cui la corona sia avvitata;
  • la protesi dentaria o corona, in zirconia ceramica o metallo ceramica, che può essere avvitata o cementata all’impianto.

Gli impianti dentali che utilizziamo sono in titanio, un metallo biocompatibile che favorisce il processo di osteointegrazione. La vite inserita infatti deve integrarsi con il tessuto osseo della mascella o della mandibola per garantire la stabilità dell’impianto nel tempo.

In caso di allergie al titanio, nel nostro studio disponiamo di materiali alternativi, come zirconia e tantalio, certificati FDA e CEE.

Impianto dentale accanto a dente naturale

Casi in cui sono indicati gli impianti dentali

L’utilizzo dell’impianto prevede un’attenta analisi dello stato di salute di gengive e tessuto osseo.

In caso di denti mancanti, il nostro dentista con una visita odontoiatrica, valuterà come riempire il gap dentale. Se le gengive sono sane e il tessuto osseo è in buona salute, inizieremo a lavorare sull’impianto.

Per una approfondita valutazione dello stato del tessuto osseo, prima di procedere alla realizzazione di una protesi fissa, eseguiamo anche esami specifici come radiografia e Tac Cone Beam, direttamente nel nostro studio.

 

Consigliamo l’utilizzo di impianti dentali quando denti, mandibola e mascella accanto e intorno al gap sono perfettamente sani: in questo caso infatti sarebbe un vero peccato rovinare e limare i denti adiacenti per inserire un ponte dentale.

Si ricorre al ponte dentale in alternativa all’impianto se lo stato di salute delle gengive non è ottimale o in carenza di tessuto osseo. Il ponte dentale è una protesi fissa che si appoggia ai denti adiacenti al gap dentale. 

 

Come si installa un impianto dentale

L’installazione dell’impianto si esegue in anestesia locale.

Il momento fondamentale consiste nell’inserimento della vite, da cui dipende la corretta osteointegrazione.

 

Dopo l’inserimento dell’impianto, si agganciano l’abutment e la corona alla vite. Il lavoro può essere eseguito in un’unica seduta, a carico immediato, o in un paio di sedute. Per i primi giorni dopo l’intervento ti consigliamo di evitare cibi solidi e caldi.

L’esperienza e il continuo aggiornamento dei nostri specialisti garantiscono un lavoro fluido e senza problematiche.

Secondo recenti statistiche, i casi di rigetto o fallimento degli impianti dentali si riscontrano per il 90% nei pazienti fumatori.

Impianto dentale arcata superiore

Igiene e mantenimento dell’impianto dentale

Se trattato correttamente, un impianto dentale dura almeno 10-15 anni.

Ti consigliamo di mantenere la protesi sempre pulita e di lavare i denti con uno spazzolino specifico.

L’igiene orale e i controlli periodici nel nostro studio sono indispensabili affinché l’impianto duri a lungo e la bocca sia in perfette condizioni.

 

I costi dell’impianto dentale

I costi dell’impianto variano a seconda di alcuni fattori e possiamo stimarli dopo una visita odontoiatrica accurata. 

Per eseguire un preventivo dobbiamo valutare:

  • la complessità dell’intervento chirurgico, che varia a seconda della qualità dell’osso del paziente;
  • visite ed esami da effettuare in previsione della fase chirurgica;
  • il tipo di materiale scelto per la realizzazione della protesi.

 

Prenota la tua visita, il Dottor Motta sarà lieto di consigliarti il trattamento migliore per il tuo caso.

 

Contattaci per un preventivo!

Chiamaci
Indicazioni